Il rimodellamento chirurgico del corpo a seguito di gravidanze o perdita di peso viene effettuato per rimuovere l’eccesso di rilassamento cutaneo ed il grasso residuo, ripristinando le giuste forme e snellendo la silhouette.

Il risultato è un notevole miglioramento dell´aspetto e delle proporzioni corporee. Infatti, dopo una perdita di peso importante, correlata alla dieta o ai cambiamenti post-gravidanza, la pelle e i tessuti spesso non hanno l’elasticità per riadattarsi al corpo ed un intervento di chirurgia estetica puó quindi spesso rendersi necessario per ripristinare le forme desiderate.

Liposuzione

La liposuzione è una delle procedure di chirurgia estetica più popolari. Utilizza una tecnica di aspirazione per rimuovere il grasso e migliorare quindi la forma di aree specifiche del corpo come addome, fianchi, cosce, glutei, braccia o collo. La liposuzione non deve peró essere considerata come un metodo per perdere peso. Il candidato ideale per questo tipo di operazione deve infatti avere una buona tonicitá della pelle, un peso stabile e depositi di grasso localizzati che non riescono ad essere eliminati con la dieta e l’esercizio fisico. Le persone con pelle in eccesso o con pelle che ha perso tonicitá non sono dunque buone candidate alla liposuzione perché potranno ritrovarsi con una lassitá di pelle ancora maggiore nelle aree in cui è stata eseguita la procedura. In questi pazienti sono pertanto necessari interventi piú estesi che comprenderanno l´asportazione dei tessuti in eccesso. È importante inoltre sottolineare che la liposuzione non migliora la cellulite o altre irregolarità della superficie della pelle e non rimuove le smagliature.

La procedura viene comunemente effettuata in anestesia generale e di solito può essere completata in regime di day-hospital (senza cioé la necessità di pernottare presso la clinica). Piccole incisioni vengono eseguite nelle zone del corpo in cui verrà inserita la cannula da liposuzione. Queste incisioni sono lunghe meno di 1 centimetro e di solito vengono chiuse con uno o due piccoli punti di sutura. Le cicatrici non sono quindi un grosso problema dopo un intervento di liposuzione, poiché la maggior parte di esse diviene praticamente invisibile col tempo. I pazienti utilizzano un corsetto di supporto elasticizzato che aiuta a ridurre il gonfiore e che deve essere indossato costantemente per alcune settimane dopo l’intervento chirurgico. I lividi sono molto comuni dopo la liposuzione ed il dolore postoperatorio, generalmente da lieve a moderato, può essere facilmente controllato con i comuni farmaci antidolorifici. È buona norma attendere alcuni giorni prima di tornare al lavoro ed aspettare alcune settimane prima di riprendere le normali attività, incluso l’esercizio fisico. Dopo l´operazione, il gonfiore e i lividi in genere si attenuano entro qualche settimana ma potrebbero essere necessari diversi mesi prima che la zona trattata mostri il suo aspetto finale. La quantità di grasso rimosso dipende dalle caratteristiche della parte del corpo operata ed i risultati della liposuzione sono di regola permanenti a patto che il peso del paziente rimanga stabile.

Addominoplastica

L’addominoplastica è una procedura chirurgica effettuata per migliorare l´aspetto dell´addome, al fine di ridonargli una forma armonica e piú tonica. Durante l’intervento, la pelle in eccesso ed il grasso vengono rimossi ed i muscoli addominali vengono riparati per correggere la cosiddetta diastasi dei muscoli retti dell´addome. Questa è una condizione che si verifica quando i muscoli addominali, che normalmente si separano durante il periodo di gestazione, non ritornano alle condizioni iniziali dopo la gravidanza. Questo fenomeno causa un indebolimento della parete addominale che puó quindi apparire lassa o di aspetto “gonfio”. L´intervento di addominoplastica può spesso anche rimuovere una vecchia cicatrice dovuta a taglio cesareo e quelle smagliature che si trovano nella parte inferiore dell’addome, nella zona al di sotto dell’ombelico. Candidati ideali per questa procedura chirurgica sono uomini e donne che desiderano un miglioramento estetico della regione addominale, donne con eccesso di pelle e lassità della parete addominale a seguito di gravidanze e pazienti che presentano un eccesso di pelle dopo una significativa perdita di peso. È importante sottolineare che l’addominoplastica deve essere eseguita in pazienti con peso stabile e non deve quindi essere considerata come una procedura che si effettua per dimagrire. Deve piuttosto essere considerata come un intervento volto a rimodellare e ripristinare le giuste forme della zona addominale. Inoltre, l’addominoplastica non puó “raggiungere” il cosiddetto grasso profondo, quello cioè che si trova attorno agli organi intestinali e che di solito provoca un aspetto arrotondato e gonfio della pancia. Questo tipo di grasso non può essere eliminato chirurgicamente ma solo attraverso la perdita di peso.

L’addominoplastica viene eseguita in anestesia generale e in genere richiede il pernottamento di una notte in clinica. Il chirurgo esegue una incisione orizzontale nella regione inferiore dell´addome, al di sopra del pube, e un’incisione attorno all’ombelico. Il grasso e la pelle in eccesso vengono quindi rimossi, i muscoli addominali riparati e la pelle attorno all’ombelico viene riposizionata. Piccoli tubicini (drenaggi) possono a volte essere necessari e vengono dunque posizionati per drenare il sangue o il fluido in eccesso. Le incisioni cutanee sono quindi suturate con materiale riassorbibile che non rende necessaria la rimozione dei punti e viene applicata una medicazione chirurgica. Dopo l´intervento è normale aspettarsi un dolore moderato, che è generalmente ben controllato dai farmaci antidolorifici. La zona operata puó presentarsi gonfia e i drenaggi, se presenti, vengono di solito lasciati in posizione per alcuni giorni. Un corsetto di supporto deve essere indossato per circa 6 settimane dopo l´intervento, per aiutare a prevenire l’accumulo di liquidi e fornire adeguato supporto nel periodo di guarigione. Durante un’addominoplastica, la manipolazione chirurgica dei tessuti può sollecitare i nervi dell’area addominale e della parte superiore delle cosce. Non é quindi infrequente avere una ridotta sensibilitá o un senso di intorpidimento nelle aree in questione, che di solito diminuisce nei mesi successivi alla procedura. Il riposo è consigliato per le prime 2 settimane dopo l’intervento ed il ritorno all´attivitá lavorativa puó in genere essere pianificato dopo 3 settimane. Un moderato esercizio fisico può essere ripreso dopo 1 mese dall´intervento ma un completo recupero richiede in genere fino a qualche mese.

La lunghezza e la visibilità delle cicatrici dopo l’addominoplastica variano da persona a persona. Sono comunque generalmente di buona qualità e restano totalmente nascoste all’interno dello slip, praticamente invisibili anche al mare in costume. È di fondamentale importanza evitare completamente l´utilizzo di nicotina (fumo, cerotti e gomme da masticare) per almeno 4 settimane prima e dopo l’intervento chirurgico. Il fumo riduce infatti il flusso sanguigno nella pelle e può rallentare il processo di guarigione aumentando notevolmente il rischio di complicanze. Le persone che hanno l´obiettivo di dimagrire e le donne che pianificano future gravidanze, dovranno necessariamente rimandare l’intervento. Dopo la gravidanza é ragionevole attendere almeno 6 mesi, preferibilmente un anno, prima di pianificare una addominoplastica.

I risultati di questa operazione sono considerati permanenti. Tuttavia, significative fluttuazioni di peso (inclusa una nuova gravidanza) possono far perdere ulteriore elasticità alla pelle addominale che potrá quindi riacquisire lassitá. Inoltre, un sostanziale aumento di peso può indurre l’organismo a produrre nuove cellule adipose. Mantenendo un peso stabile, seguendo una dieta sana e facendo esercizio regolarmente, i pazienti possono garantirsi un risultato di lunga durata dopo l´intervento di addominoplastica.

Addominoplastica circonferenziale

Chiamata anche torsoplastica, l’addominoplastica circonferenziale viene eseguita per rimuovere la pelle in eccesso dell’addome, dei fianchi e della porzione inferiore della schiena.

Viene eseguita grazie a un’incisione che corre attorno all’intera circonferenza del corpo (come una cintura) ed è un intervento indicato soprattutto per pazienti con una grande quantità di pelle in eccesso a seguito di una significativa perdita di peso. Infatti, a causa di un forte dimagrimento, la pelle non riesce a riadattarsi al contorno del corpo e si presenta lassa non solo sul ventre, ma anche sui fianchi e nella parte inferiore della schiena.

Grazie a questa procedura, il chirurgo è quindi in grado di rimuovere la pelle ed il grasso in eccesso di queste aree, migliorando notevolmente la forma del corpo.

L’addominoplastica circonferenziale viene eseguita in anestesia generale e richiede generalmente il pernottamento in clinica per due notti. I tubi di drenaggio sono di solito necessari e vengono posizionati sia nella parte anteriore che in quella posteriore. Dopo l´intervento è necessario un periodo di riposo di 2-3 settimane e viene indossato un corsetto elastico per almeno 6-8 settimane. Il dolore post-operatorio è di solito moderato e ben controllato dai farmaci anti-dolorifici ed il periodo di recupero di una addominoplastica circonferenziale è di solito più lungo rispetto ad una addominoplastica standard. Questa procedura lascia una cicatrice circonferenziale di solito ben nascosta all´interno dello slip e fornisce risultati permanenti, garantendo un drastico miglioramento della silhouette corporea.

Lifting di braccia

Il lifting di braccia (chiamato anche brachioplastica) è un comune intervento di chirurgia estetica che può rimodellare le braccia, riducendo la pelle e il grasso in eccesso. A causa del normale processo di invecchiamento o di una significativa perdita di peso, la pelle può infatti perdere la sua elasticitá ed assumere un aspetto flaccido e cascante, soprattutto nella parte inferiore delle braccia. Se l’esercizio fisico può sicuramente rafforzare e migliorare il tono muscolare delle braccia, non può purtroppo eliminare la lassitá di pelle che si accumula in quest´area. Durante questo intervento chirurgico, la pelle ed il grasso in eccesso presenti nella parte inferiore delle braccia vengono rimossi, rendendo le braccia più toniche e definite.

La procedura viene eseguita in anestesia generale e i pazienti di solito possono tornare a casa lo stesso giorno dell’intervento (day-hospital). Viene effettuata un´incisione sulla superficie interna del braccio, dall’ascella al gomito, che permette di eliminare la pelle e il grasso in eccesso in questa zona. Le incisioni vengono quindi suturate con punti riassorbibili (che non necessitano di essere rimossi) e vengono coperte con un cerotto chirurgico. I pazienti indossano poi una guaina elastica per alcune settimane per aiutare a controllare il gonfiore e favorire la guarigione. Dopo un lifting di braccia, il dolore è di solito di lieve entitá mentre gonfiore e lividi potranno essere di natura variabile da persona a persona. Questi sintomi diminuiscono di solito dopo i primi giorni ed il tempo di recupero dopo una brachioplastica è solitamente di 1-2 settimane. L´attivitá sportiva o qualsiasi sforzo eccessivo a livello degli arti inferiori devono essere limitati per 4-8 settimane dopo l’intervento chirurgico.

La tipica cicatrice del lifting di braccia si estende dall’ascella al gomito, all’interno del braccio. Queste cicatrici di solito guariscono bene e quasi svaniscono nel tempo in pazienti non fumatori. Proteggerle durante l´esposizione al sole con crema solare o maniche lunghe è inoltre fondamentale per aiutarle a diventare il meno visibili possibile.

I risultati di questo intervento sono in genere di lunga durata, a patto che venga mantenuto un peso stabile. Tuttavia, è buona regola ricordare che la pelle perde naturalmente un po ‘di elasticitá e compattezza durante il normale processo di invecchiamento.

Lifting di cosce

Il lifting di cosce è una popolare operazione di chirurgia estetica adatta a quei pazienti che desiderano risollevare e rassodare l´interno coscia.

Questa procedura di rimodellamento corporeo è spesso indicata dopo una sostanziale perdita di peso oppure in soggetti per i quali dieta ed esercizio fisico non sono riusciti a ridurre il tessuto in eccesso nella parte dell´interno coscia. Con questo intervento é infatti possibile rimodellare quest´area, riducendo la pelle ed il grasso in eccesso e donando una forma piú slanciata e compatta alla parte superiore delle gambe.

Il lifting di cosce viene eseguito in anestesia generale e di solito può essere completato in regime di day hospital (senza cioé la necessità di pernottamento in clinica). Il chirurgo esegue una incisione verticale sulla superficie interna della coscia, che parte dall’inguine e si estende fino al ginocchio. Cute e grasso in eccesso vengono cosí eliminati dall’interno della coscia ed alcuni punti di sutura profondi vengono applicati per aiutare a dare forma e a sostenere i tessuti rimodellati. Le incisioni cutanee vengono quindi chiuse con punti riassorbibili, che non necessitano di rimozione. Dopo l’intervento, saranno presenti lividi, gonfiore ed un moderato senso di fastidio nell’area operata che vengono trattati coi dei comuni farmaci antidolorifici e antinfiammatori. I pazienti dovranno indossare una guaina elastica compressiva per alcune settimane, che aiuta a contenere il gonfiore e a promuovere la guarigione. Il riposo è consigliato per 1-2 settimane dopo la procedura e l’esercizio fisico potrá essere ripreso dopo circa 6-8 settimane. È tuttavia normale che possano volerci un paio di mesi prima di vedere il gonfiore sparire completamente.

La tipica cicatrice di un lifting di cosce si estende verticalmente dalla piega inguinale fino al ginocchio, posizionandosi sulla faccia interna della coscia. Soprattutto in pazienti sani e non fumatori, queste cicatrici di solito guariscono bene e diventano molto poco visibili col tempo. È comunque sempre importante proteggerle durante l´esposizione al sole con crema solare o pantaloni lunghi per aiutarle a divenire il meno visibili possibile.

I risultati finali di questo intervento sono di lunga durata, purché si mantenga una buona forma fisica ed un peso stabile. Tuttavia, è normale aspettarsi una qualche perdita di tono ed elasticitá della pelle durante il naturale processo di invecchiamento del corpo.

Mommy makeover

La maternità è un’esperienza incredibilmente gratificante, ma il corpo richiede purtroppo il pagamento di un pedaggio considerevole alle volte. I cambiamenti fisici che avvengono nel corso della gravidanza e dell’allattamento possono infatti avere effetti irreversibili e molte madri hanno difficoltà a tornare allo stato di forma pre-gravidanza, anche con esercizi regolari e una dieta sana. Il termine mommy makeover (letteralmente: “rifacimento” o “rinnovo” della mamma) si riferisce ad un insieme di tecniche di chirurgia plastica, combinate tra loro e pensate specificamente per trattare i comuni problemi che le donne si trovano ad affrontare dopo gravidanza e allattamento. Si tratta cioè di una combinazione di procedure di rimodellamento corporeo, eseguite insieme per ricreare le giuste forme e migliorare i cambiamenti fisici che persistono dopo la gravidanza.

Uno dei motivi della sua popolarità è che il mommy makeover non ha componenti fisse ed ogni procedura è quindi personalizzata per soddisfare le esigenze specifiche della singola paziente. Poiché il seno e l’addome sono le principali aree che vanno incontro a cambiamento con la maternità, un mommy makeover si concentra spesso attorno a queste zone. Infatti, durante la gravidanza e l’allattamento il seno aumenta di dimensioni, a volte anche notevolmente. Purtroppo peró, il ritorno alla “normalitá” si accompagna spesso ad una significativa perdita di volume e di consistenza del seno che puó quindi apparire svuotato e meno sodo. Inoltre, durante una gravidanza, la pelle e i muscoli addominali si distendono e crescono per accogliere il bambino in crescita. Dopo il parto peró, anche in questo caso i tessuti potrebbero non riacquisire la loro forma e compattezza pre-gravidanza. L´utilizzo di protesi mammarie al silicone puó aiutare a ripristinare la forma ed il volume del seno, mentre un intervento di sollevamento (mastopessi) puó rendersi necessario per rialzare un seno cadente e migliorarne la forma. Un´addominoplastica può invece ridonare alla mamma uno stomaco piatto, rimuovendo la pelle ed il grasso in eccesso e riparando i muscoli addominali separatisi durante la gravidanza (diastasi). La liposuzione puó essere inoltre comunemente utilizzata per migliorare ulteriormente la figura, andando ad eliminare accumuli di grasso in aree specifiche del corpo.

A seconda del tipo e del numero di operazioni necessarie, il mommy makeover può essere eseguito durante una singola seduta operatoria oppure essere suddiviso in più sessioni chirurgiche.

Questo piano di trattamento personalizzato combina dunque procedure di chirurgia estetica volte a trattare quei cambiamenti permanenti post gravidanza, garantendo notevoli miglioramenti dell´aspetto del corpo ed aiutando cosí le donne a sentirsi più sicure ed attraenti dopo la maternità.