La labioplastica (nota anche come riduzione delle piccole labbra o riduzione labiale) è una procedura di chirurgia plastica volta a rimodellare le piccole labbra della vagina. Le dimensioni e la forma delle labbra vaginali variano in modo significativo col tempo e possono cambiare a causa di eventi diversi durante il corso della vita. Mentre alcune donne nascono con genitali più grandi della media (ipertrofia congenita), altre vanno invece incontro a cambiamenti dovuti al parto e all’invecchiamento, fenomeni questi che possono allargare e deformare le piccole labbra vaginali. Il termine labioplastica si riferisce ad una procedura che riduce la lunghezza e le dimensioni delle piccole labbra ed è l´intervento di ringiovanimento vaginale più comunemente eseguito in chirurgia estetica.

Le candidate ideali per la labioplastica sono quelle donne in etá adulta che avvertono un disagio fisico o psicologico a causa delle dimensioni e della forma delle piccole labbra vaginali.

Sono molte le donne che soffrono di ipertrofia labiale, condizione che puó arrecare insicurezza ed imbarazzo nel quotidiano.  Ciò può anche avere un effetto dannoso sulla vita sessuale di una donna, rendendo difficili le relazioni intime. Questa situazione puó inoltre causare indolenzimento durante l´esercizio fisico (palestra, bicicletta, andare a cavallo) o durante il rapporto sessuale.

Una labioplastica può essere eseguita per ridurre l’asimmetria delle piccole labbra (quando cioé una è più lunga dell’altra) oppure, più comunemente, per ridurne la lunghezza di entrambe in modo che queste non creino piú disagio e non siano piú visibili indossando un costume da bagno o un indumento stretto.

La labioplastica non dovrebbe essere eseguita su ragazze di età inferiore ai 18 anni poiché i genitali continuano a svilupparsi oltre la pubertà fino alla prima età adulta.

La tecnica chirurgica della labioplastica consiste tipicamente nella semplice resezione della porzione in eccesso, che viene eliminata. I tessuti rimanenti vengono quindi suturati con punti sottili e dissolvibili, che non necessitano di essere rimossi.

Sebbene la labioplastica sia una operazione chirurgica eseguita in un’area molto sensibile, in realtà è una procedura relativamente semplice che richiede circa un’ora per essere eseguita. Spesso la cicatrice si confonde molto bene col tessuto delle piccole labbra (che di natura ha un aspetto irregolare) divenendo completamente invisibile.

Il dolore post-operatorio è minimo e le pazienti sono generalmente in grado di lasciare la clinica lo stesso giorno (procedura in regime di day-hospital). Non è necessaria nessuna medicazione particolare nell´area operata, si consiglia semplicemente di indossare un assorbente esterno (salvaslip) a protezione della zona. Le piccole labbra si presentano spesso molto gonfie durante il primo periodo post-operatorio, a causa dell’edema causato dalla procedura stessa e dalla soluzione anestetica iniettata nei tessuti. A seconda dei casi, le pazienti potranno riprendere il lavoro (purché non fisicamente faticoso) giá 3-4 giorni dopo l’intervento chirurgico. Per consentire una guarigione ottimale, è consigliabile evitare di usare tamponi interni, di indossare abiti attillati ed astenersi dall´avere rapporti sessuali per circa 6 settimane dopo l’intervento. Mentre la gran parte del gonfiore scompare generalmente nel giro di circa 6 settimane, ci possono volere fino a sei mesi affinché il gonfiore residuo scompaia del tutto.

Dopo una labioplastica correttamente effettuata, non avviene nessuna perdita o riduzione della sensibilitá della zona operata (sebbene questa possa temporaneamente diminuire nel primo periodo post-operatorio, durante la fase di guarigione).